Kose, la mente della rivolta rimasto dietro le quinte

Nessuna notizia del braccio destro del Capo di Stato Maggiore, leader degli “infedeli”

Il golpe che è andato in scena venerdì notte sembrava uscito dalla pagine di un romanzo ambientato negli anni ’70. Come se i suoi autori stessero seguendo meticolosamente un copione, o meglio, un manuale. Per prima cosa bloccare i due ponti sul Bosforo e tagliare in due la città mentre gli F-16 sorvolano a bassa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.