Jean-Luc Godard l’immaginifico battuto dalla Guerra Fredda

Dopo quattro anni, il regista gareggia per la Palma con “Le Livre d’Image”. Applausi d’obbligo, ma pare più un puzzle irrisolvibile. Non c’è storia con “Cold War” di Pawel Pawlikowski
Jean-Luc Godard l’immaginifico battuto dalla Guerra Fredda

“La vera condizione dell’uomo è immaginare con le mani”. “Non conosco regole né eccezioni”. “Il cristianesimo è il rifiuto a conoscersi, la morte del linguaggio”. Oppure, in versi, “Come un sogno cattivo scritto su una notte tempestosa / Sotto occhi occidentali / I paradisi perduti / La guerra è qui”. Mesdames et Messieurs, Jean-Luc Godard […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.