Jannacci, fili intrecciati e umanità dolente

Il racconto dell’artista, inaffidabile e burbero, a cinque anni dalla sua scomparsa
Jannacci, fili intrecciati e umanità dolente

Aquasi cinque anni dalla sua scomparsa, la figura stralunata e malinconica di Enzo Jannacci manca moltissimo alla cultura di questo paese. Nel panorama attuale il “dottore” sarebbe ovviamente fuori posto: troppo inclassificabile, troppo ruvido, troppo poco rassicurante. Ma del resto fuori posto lo era sempre stato, come è scritto nel destino dei grandi eccentrici. Una […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.