Italia-Europa, solito dialogo tra sordi sui ricollocamenti

L’accordo disatteso dall’Ue: solo 7 mila sui 40 mila previsti sono stati accolti da altri Stati. Palazzo Chigi: “Aiutateci”
Italia-Europa, solito dialogo tra sordi sui ricollocamenti

Un’arma di pressione che l’Italia cerca di mettere sul tavolo della trattativa con l’Unione europea per ottenere il mantenimento delle promesse sui ricollocamenti dei migranti e la possibilità di estenderli non solo ai rifugiati, ma anche ai migranti “economici” (ovvero quelli che non partono da situazioni di guerra, ma da fame, carestie, siccità). È questa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.