“Io sto con Ginko”

“È il momento di scrivere da guardie, non da ladri”
“Io sto con  Ginko”

Avevo otto anni, forse nove. I figli dei vicini di casa mi prestavano i fumetti, leggevo Topolino, Capitan Miki e Tex. Un giorno mi dicono: ‘Prendi Diabolik, è bellissimo’. Leggo un numero, ed ecco la prima pugnalata del protagonista. Non mi convince ma proseguo con il secondo e il terzo. Al quarto mi fermo, dico […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.