Intelligence e staff, Conte prova a decidere le nomine

Poltrone - Il premier non lascia la delega sugli 007 alla Lega per rassicurare gli Stati Uniti. E vuole arruolare l’ambasciatore Salzano, ministro mancato
Intelligence e staff, Conte prova a decidere le nomine

La più delicata delle partite di nomine è già cominciata: quella che riguarda l’intelligence. Il dilemma per il governo Conte si pone presto, il 16 giugno: quel giorno scade il mandato di Mario Parente, il direttore dell’Aisi, il servizio segreto interno. Prima opzione: il governo lo sostituisce e si prende la prima poltrona della sicurezza. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.