In Cassazione regge il reato associativo per Luca Parnasi

In Cassazione regge il reato associativo per Luca Parnasi

Nessuna irregolarità nella carcerazione di Luca Parnasi, costruttore arrestato il 13 giugno per associazione a delinquere, corruzione e finanziamento illecito nell’inchiesta sullo stadio della Roma. Lo sostiene la Cassazione che l’11 luglio ha confermato la misura cautelare. Gli avvocati Emilio Ricci e Giorgio Tamburrini contestavano la sussistenza della gravità degli indizi per il reato associativo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.