Nessuna irregolarità nella carcerazione di Luca Parnasi, costruttore arrestato il 13 giugno per associazione a delinquere, corruzione e finanziamento illecito nell’inchiesta sullo stadio della Roma. Lo sostiene la Cassazione che l’11 luglio ha confermato la misura cautelare. Gli avvocati Emilio Ricci e Giorgio Tamburrini contestavano la sussistenza della gravità degli indizi per il reato associativo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)