Il selfie col morto: la tragedia è la faccia

Il selfie col morto: la tragedia è la faccia

Lo ammetto. Quando i telefonini non possedevano ancora la fotocamera, avevo già una scarsa fiducia nell’umanità, ma l’introduzione dell’obiettivo con annessi gigabyte a disposizione per l’archivio fotografico ha definitivamente spento ogni mia speranza. A Nizza non avevano ancora finito di asciugare il sangue sull’asfalto che già era pieno di turisti intorno al luogo della strage […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.