Il politologo che poteva rompere (quasi) tutti i tabù

La carriera - Acclamato per le sue lunghe battaglie contro i partiti, la tv e Berlusconi, ma ignorato quando ha sfidato il politicamente corretto
Il politologo che poteva rompere (quasi) tutti i tabù

Che tenesse molto alla fama di scienziato della politica fra i più stimati e citati al mondo, è fuor di dubbio. Quella notorietà se l’era conquistata con una produzione teorica solidissima, iniziata nel 1957 con Democrazia e definizioni. Ma chiunque lo abbia conosciuto sa che a Giovanni Sartori stava altrettanto a cuore un’altra reputazione, quella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.