Tijuana, il mondo perduto nascosto dal muro – Il reportage di Alessandro Di Battista (2)

Le colpe degli Usa - Chi attraversa il deserto di Sonora va salvato, come in mare, ma parte perché gli è stato negato un altro diritto: quello di restare a casa sua
Tijuana, il mondo perduto nascosto dal muro – Il reportage di Alessandro Di Battista (2)

“Il primo ad avermi deportato è stato Obama. Poi anche Trump due mesi fa. Ora aspetto il momento giusto per saltare un’altra volta. Dall’altra parte ho il mio lavoro e la mia famiglia, non mi importa nulla del muro”. È quel che mi ha detto un uomo in un hotel per migranti a Mexicali, la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.