“Il mio viaggio in Polonia del 1971 con le penne biro. E la tombola a casa Sordi”

Carlo Verdone protagonista alla Versiliana. Da 40 anni anticipa e racconta i difetti italiani. L'intervista ad Alessandro Ferrucci e Marco Travaglio
“Il mio viaggio in Polonia del 1971 con le penne biro. E la tombola a casa Sordi”

Due minuti prima di salire sul palco: “Come sto?”. In che senso? “Sono vestito troppo scuro?”. No, stai bene. “E quanta gente c’è in platea?” Circa 1.800 persone. “Cooosa?” Ti aspettano 1.800 persone. “Incredibile”. Sei Carlo Verdone, il Lucio Battisti del cinema. “Non mi rendo conto. Mi stupisco di tutto questo affetto”. Non è falsa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.