Il letterato di fabbrica e il “mestiere altrui”

Il letterato di fabbrica e il “mestiere altrui”

L’edificio che concentra in sé la memoria di Primo Levi non è la casa natale, in corso Re Umberto a Torino, ma è una palazzina a due piani, in stile liberty, a Settimo Torinese: la vecchia sede della Società Industriale Vernici e Affini. Primo Levi ci ha lavorato per 29 anni, come chimico e come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.