Le particelle elementari dell’umano e del disumano, Primo Levi rappresenta questo per me. L’etica nella sua formula chimica più pura, lo sguardo talmente nitido rispetto all’orrore, perché ormai inoffuscabile dalla sofferenza o dal revisionismo (allora non si diceva ancora postverità). La capacità di raccontare il sé, inserito in un noi, quando di quel noi poco […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La morale dello scienziato applicata alla democrazia

prev
Articolo Successivo

Il letterato di fabbrica e il “mestiere altrui”

next