“Il graffitista non è un criminale ma un artista, anche da museo”

“Agli inizi sapevo che attraversare i binari per dipingere era illegale. Ora è cambiata la percezione del pubblico”
“Il graffitista non è un criminale ma un artista, anche da museo”

Non so se anche voi vi ricordiate quando, nel corso della vostra vita, avete iniziato a interrogarvi sul confine, più o meno labile a volte, fra legalità e illegalità. Io credo di essermi posto questa domanda per la prima volta in maniera conscia a 10 anni, o forse prima, comunque subito dopo aver letto una […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.