» Italia
venerdì 06/04/2018

Tirreno Power, il Cnr: “Fino al 60% di morti in più vicino alla centrale”

Vado Ligure - Usando i dati dell’indagine si calcolano quasi 4 mila vittime oltre la media. Ma la Regione non ha reso nota la ricerca
Tirreno Power, il Cnr: “Fino al 60% di morti in più vicino alla centrale”

“Eccessi di mortalità per entrambi i sessi tra il 30 e il 60% sono emersi per tutte le cause e tutti i tumori” nelle zone esposte agli inquinanti. “E tra il 40 e il 60% per le malattie dell’apparato circolatorio, in particolare ischemiche cardiache e cerebrali”, è scritto nello studio epidemiologico compiuto dal Cnr per “valutare gli effetti sulla salute dell’inquinamento da centrale a carbone a Savona, Vado Ligure, Quiliano e aree limitrofe”. Sono 51 pagine frutto di anni di ricerche. Applicando i dati del Cnr – che per la prima volta esamina i decessi dal 2000 al 2013 – le morti in eccesso nelle zone esposte si calcolerebbero in quasi 4mila (2.600 solo nelle aree di massimo rischio).

Finora le perizie chieste dai pm che hanno indagato sulla centrale Tirreno Power di Vado avevano parlato di circa 440 morti: da 251 a 335 per le malattie cardiovascolari e 103 per quelle respiratorie. Poi migliaia di ricoveri. Sono stime, appunto, non dati certi. La difesa ha negato un legame tra malattie e centrale. Spetterà ai magistrati valutare se il dossier del Cnr sia attendibile e se le morti in eccesso siano da riferire alla centrale (la ricerca sottolinea la presenza di altri fattori inquinanti).

Ma lo studio apre anche un caso politico: “Vogliamo sapere perché ci siano voluti quasi dieci anni per avere un’indagine epidemiologica. E perché i risultati da nove mesi siano chiusi nel cassetto della Regione Liguria”, chiede Andrea Melis, il consigliere regionale (M5S) che finalmente ha ottenuto lo studio e lo ha depositato alla procura di Savona. L’avvocato Matteo Ceruti che assiste l’associazione ‘Uniti per la salute’ sottolinea: “Abbiamo presentato da mesi istanza di accesso agli atti, ma la Regione ci ha ripetutamente negato lo studio del Cnr”. Il rapporto restava nel cassetto anche se a Savona si celebra l’udienza preliminare sulla centrale e il 12 aprile si deciderà sul rinvio a giudizio degli imputati.

La ricerca parla “di rischi” ancora maggiori “emersi per le malattie respiratorie, sia acute che croniche del polmone. Emergono un eccesso per le malattie del sistema nervoso tra le donne e un rischio di oltre il doppio per i linfomi non Hodgkin tra gli uomini”. Lo studio del Cnr copre un’area con 123mila abitanti. Oltre a Savona ci sono località turistiche come Varazze, Spotorno, Albisola, Bergeggi e Celle Ligure. Per gli uomini, secondo il Cnr, nelle zone di massima esposizione si registrerebbe un eccesso di morti per tumore al polmone del 61%. Per i linfomi siamo oltre il 200%. Per le leucemie si parla del 68%. Per le donne (sempre nelle zone di massima esposizione) si sarebbe registrato un eccesso del 61% per malattie cardiache. Poi 75% delle malattie cerebrovascolari e 99% dei decessi per malattie respiratorie acute.

I comitati da molti anni chiedevano un’indagine epidemiologica, ma il ministero della Salute bocciò il finanziamento di una ricerca (che sarebbe costata 500mila euro) preferendo uno studio sull’herpes Zoster in Liguria. E tornano in mente le frasi contenute nelle intercettazioni dell’inchiesta. Come le parole di quel dirigente del ministero dell’Ambiente – non indagato e nel frattempo promosso – che occupandosi delle prescrizioni da prevedere per la centrale disse: “Cerchiamo di fare una porcata… che almeno sia leggibile… C’hai le mani sporche di sangue… mi sputerei in faccia da solo”.

Andrea Melis aggiunge: “Ho consegnato le carte ai pm: bisogna fare chiarezza sull’eventuale nesso tra centrale ed effetti sulla salute. Spero che la ricerca del Cnr sia utile nel processo in corso. Le scelte industriali vanno commisurate con le conseguenze sulle persone. Ricostruire i fatti e informare i cittadini è fondamentale”.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Italia
Fallimento, chiusi 43 punti

Trony, solo un’offerta. Parte la mobilità per 466 lavoratori

Per Trony si aprirà “una procedura di mobilità per 466 lavoratori”: Lo hanno riferito ieri rappresentanti della Filcams Cgil e degli altri sindacati dopo l’incontro tenutosi al ministero dello Sviluppo economico. Secondo quanto è emerso, al momento c’è solo un’offerta d’acquisto parziale che riguarda otto punti vendita sui 35 totali coinvolti. “I lavoratori rimangono ancora sospesi e senza retribuzione, per assurdo l’unica alternativa plausibile diventa la Naspi”, ha spiegato Alessio Di Labio della Filcams aggiungendo che il Mise intanto “ci supporta nella richiesta di provare a incentivare il più possibile quelle proposte che tendono a conservare i posti di lavoro, perché siamo comunque in una procedura fallimentare quindi si aprirà un’asta e non è detto che chi arriva prenderà tutti i lavoratori”. Nei prossimi giorni ci saranno altri passaggi, ma una data per il prossimo incontro non è ancora stata definita. La chiusura dei 43 punti vendita è il risultato del fallimento di DPS Group, uno dei soci di Grossisti Riuniti Elettrodomestici che dal 1997 detiene la proprietà di Trony con circa 200 negozi in tutta Italia. Molti lavoratori di Dps non ricevevano lo stipendio integrale già dalla fine dello scorso anno.

Economia

“Eataly ha imparato anche dai suoi errori: ora la Borsa”

Italia

Ripresa senza controlli: salgono i morti a lavoro

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×