» Politica
domenica 29/04/2018

Sabina Began: “Il Bunga Bunga? Una fogna, Berlusconi schiavo dell’ego. Il Corano mi ha guarita”

Sabina Began - L’Ape Regina delle “cene eleganti”: “Non rinnego quello che è stato, ho chiesto perdono. Da lui accettavo qualsiasi cosa”

Sabina Began non è mai stata una delle papi-girl, lei era la favorita, era l’ape regina delle feste berlusconiane. Non ha mai negato la sua storia d’amore con Silvio, anzi, per lui si è tatuata sul piede le iniziali “SB”, per lui dichiarò il “bunga bunga sono io”, per lui è finita nei guai insieme a Gianpi Tarantini, accusati entrambi nel processo “Escort” di reclutamento della prostituzione. La raggiungiamo al telefono, è in Bosnia.

Che fine ha fatto l’Ape regina?
Mi sono dedicata allo studio. Dopo il processo, sono andata in Malesia per studiare il Corano, i Profeti e la lingua araba. Il Corano mi ha aiutata molto, mi ha guarita, mi ha aperto il cuore. Prima cercavo amore nella direzione sbagliata, negli uomini. Quando ami Dio invece non sbagli mai.

Tutto questo per chiudere con il passato, con una storia iniziata il 29 agosto 2005 – giorno del suo primo incontro con Silvio Berlusconi – e finita dieci anni dopo con una condanna per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Qual è stato il giorno che non rivivrebbe?
Non posso rinnegare quello che ho vissuto, il passato però mi ha portato a essere quello che sono ora. Ho chiesto perdono a Dio, a me stessa e alle persone alle quali ho fatto del male. Non sono una santa, ma ho sofferto. Se avessi fatto una vita normale, forse oggi sarei addormentata.

A portarla da Berlusconi in Sardegna fu Flavio Briatore, negli anni l’ha ringraziato o gliel’ha rinfacciato?
Non sono arrabbiata con Flavio, non posso dare colpe se non a me stessa.

Una volta però disse: “Se potessi tornare indietro, non dedicherei nemmeno cinque minuti a Silvio”…
Provo compassione per lui, gli auguro di trovare la luce. Non basta essere ricchi per saper vivere bene.

Lei si sentiva fidanzata con Berlusconi? Cosa glielo faceva credere?
Ero innamorata, non lo vedevo come un traditore. Una volta in elicottero mi disse che non riusciva a provare nessun sentimento verso gli altri e che io invece gli avevo toccato il cuore.

Nel film di Sorrentino, “Loro 1”, l’attore che interpreta Berlusconi dice: “La verità è il frutto del tono con cui dici le cose”. Sembra piuttosto aderente al personaggio reale…
Non mi piace chiamarlo bugiardo, diciamo che diceva una cosa e la girava come a lui faceva piacere. Tipo un cantautore. Stava a me abboccare o meno: oggi avrei riso di alcune cose a cui allora invece credevo.

Lei a un certo punto disse di aspettare un figlio da Silvio e di averlo poi perso. Era un momento buio, era una sua proiezione, era disperazione, era vero, cos’era?
Ho tentato. Lui era pieno di donne e io non avevo più rapporti con lui, non mi facevo toccare, avevo fatto morire quella parte vitale di me. Le mie orecchie hanno dovuto ascoltare e i miei occhi vedere cose che mi hanno fatto molto soffrire. Mi ero pentita di avergli giurato amore eterno, ho pregato Dio di sciogliere quel giuramento. Lui voleva restare in qualche modo, mi ha proposto di fare una fecondazione assistita. Non è andata.

Berlusconi desiderava un figlio da lei, dice la verità?
Sì. Ma è andata come è andata, non posso dire se sia stato un bene o un male, Dio ha deciso per me.

Quando lei è entrata nella sua vita c’era la moglie Veronica e poi è arrivata Francesca Pascale. In mezzo mille altre, dalla Minetti a Noemi. Si è mai chiesta perché Francesca è diventata la fidanzata ufficiale di Silvio e lei no?
Lei è arrivata quando io me ne sono andata, proprio dopo la vicenda del bambino. Io non l’ho conosciuta e dico per fortuna…

Nel 2005 Silvio era ancora sposato. Ha mai conosciuto Veronica?
Mai.

Che idea si era fatta allora?
Lui mi diceva che stava male, che si stavano separando, che tra loro non c’era più nulla da tanto tempo…

Questo è più che un cliché, è il solito copione…
Effettivamente (ride)…

Ha mai desiderato occupare il posto di Veronica?
Sì, ma non avrei preso il “suo posto”, avrei voluto “quel posto” dopo di lei.

Le piace Veronica?
Ho molto rispetto per lei, è la madre dei suoi figli. La rispetto anche come donna, devi essere forte e coraggiosa per stare con lui. Lei lo è stata.

Vivere nel lusso però è una bella consolazione.
Credo che lei sappia che, per quanti soldi tu possa avere, stare con un uomo che ti ama e che ti rispetta è un’altra cosa…

Quindi siamo dalla sua parte?
Silvio ha sbagliato a farsi scappare la madre dei suoi figli per centomila donne vuote… lei però non ha combattuto per tenerselo.

Lei che ha vissuto da vicino quel mondo e quei comportamenti, come si spiega in un uomo così astuto quella compulsione sessuale che lo ha esposto a situazioni a dir poco imbarazzanti (al netto dei processi)?
In arabo si dice nafs: l’ego. Lui ha un ego talmente grande che si sentiva e forse si sente ancora Dio. Un faraone. È schiavo del suo ego che ha preso il sopravvento sulla sua vita.

Chi le faceva più tristezza, se gliene faceva: lui o “loro”, cioè le ragazze che si offrivano in cambio di soldi o vantaggi?
Tutti, ma ognuno ha le sue colpe. Ognuno di noi fa quello che vuole, ma poi deve pagare un prezzo.

Perché lei si ritiene diversa dalle altre?
Per me è stato un amore folle che è durato 9 anni, soffrivo, piangevo, spaccavo tutto, ma poi accettavo qualsiasi cosa pur di stare con lui.

Come fa una donna innamorata ad accettare e favorire un harem come quello che aveva messo in piedi Berlusconi? Lei stessa gli portò diverse ragazze “per il piacere dei suoi occhi”, disse. Questo le è costato una condanna a 16 mesi per favoreggiamento della prostituzione.
Sono caduta nella fogna per la mia debolezza. Mi pento di me stessa e della mia debolezza.

Berlusconi le ha regalato una bellissima casa nel centro di Roma. Perché?
È stato un regalo d’amore, io so cosa aveva nel cuore, ma non posso convincere gli altri di questo, se non ci credono.

Ma allora non poteva regalargliela direttamente senza quella girandola di bonifici a società farlocche?
Non so, è stata un’idea di Ghedini.

Il film di Sorrentino l’ha visto?
Ancora no, sono in Bosnia.

Saprà certamente che uno dei protagonisti è ispirato a lei e, per quanto ogni personaggio sia la sintesi di tante figure insieme, quello suggerito dalla sua storia è una escort di alto bordo, interpretata da Kasia Smutniak. Le è dispiaciuto oppure nel racconto cinematografico ci sta?
Perdono le persone che hanno usato una falsa immagine di me, che non corrisponde alla verità e che non è emersa in nessuna carta processuale. Li perdono, ma voglio fare solo una domanda agli sceneggiatori e al regista: come vi sentireste voi se un giorno qualcuno si ispirasse alla vostra storia, interpretandola in modo non vero e offensivo? Perché oggi le cose vi vanno bene, ma domani?

Un’ultima domanda: quanto erano burine quelle cene eleganti?
Non ti puoi aspettare nulla dalle persone incoscienti.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica

Ecco chi sono i candidati

Cronaca

Figli di coppie gay, nuovo caso a Roma. Ora tocca ai giudici

Sandro Curzi e noi Quando il Tg3 divenne Telekabul
Politica
Il ricordo

Sandro Curzi e noi Quando il Tg3 divenne Telekabul

di
Da Rixi a Molinari: ecco i leghisti (e non) imputati
Politica
I personaggi

Da Rixi a Molinari: ecco i leghisti (e non) imputati

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×