Il bambino ucciso dal vetro e il pm che rinuncia al processo

Bologna - Una tragedia illumina le condizioni delle case popolari e scuote la politica. Il giudice non archivia e ordina di andare avanti
Il bambino ucciso dal vetro e il pm che rinuncia al processo

Una cosa è sicura. Alessandro, 8 anni, è morto perché il vetro della porta finestra, nella casa popolare in cui viveva nella periferia di Bologna, era troppo sottile, “ricotto” anziché “temperato”o “stratificato”, due millimetri di spessore contro i 4-6 delle norme di sicurezza, anche se si discuterà a lungo di quando e come quelle norme […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.