» Politica
domenica 05/08/2018

Matteo Renzi e i Rolex d’Arabia: gli orologi regalati dal sovrano saudita sono spariti da Palazzo Chigi per un anno

Nel 2015 la rissa tra gli uomini della scorta di Renzi per contendersi gli omaggi ricevuti a Ryad. Li hanno riconsegnati solo dopo le dimissioni da premier a fine 2016

Rolex, bugie e videotape. Alla fine saltano fuori i cronografi sauditi al centro della baruffa tra i componenti della delegazione di Palazzo Chigi in trasferta a Ryad nel novembre 2015, raccontata a puntate dal Fatto e costata una figuraccia planetaria al governo di Matteo Renzi. Eccoli qui, in foto e video esclusivi del Fatto (il video uscirà sul sito): tre Yacht Master da 15mila euro, altri cronografi da 4mila in su, ma anche penne d’oro e gioielli finora ignoti. Le immagini arrivano direttamente dalla cassaforte al secondo piano del palazzo di via della Mercede 96, presso il Dipartimento dei beni strumentali (Diprus) della Presidenza del Consiglio, dove restano in attesa di una valutazione e di una destinazione. La domanda ora è: c’è proprio tutto?

L’inventario dei preziosi, emerso solo ora grazie a un nuovo accesso agli atti presso la Presidenza del Consiglio, fa risaltare un dettaglio: la consegna al Diprus è avvenuta a fine dicembre 2016, cioè con 13 mesi di ritardo sulla tempistica dettata dalla legge in materia di doni ai dipendenti pubblici che ne impone la “restituzione immediata”. Fino all’uscita di scena di Renzi, si scopre ora, sono rimasti nelle mani del suo capo scorta, il colonnello Giovanni Serra, anziché presso gli uffici previsti: ecco perché ancora oggi, dopo quasi tre anni, nessuno può giurare che al Diprus sia arrivato tutto quel che partì da Ryad. Di certo, il tempo ha dato un senso e una svolta alla vicenda partita da una volgare zuffa innescata dalla scorta di Renzi per assicurarsi i cronografi più preziosi, spariti e poi riemersi nella più ipocrita riservatezza. E come nei migliori gialli estivi, la soluzione riserva colpi di scena e nuovi misteri.

Intanto si scopre, ad esempio, che il forziere è ben più ricco di quanto si sapesse, degno davvero di un sultano d’Oriente come è re Salman. La lista dei doni riporta 16 preziosi: 6 orologi di marca Mouawad, tre Rolex modello Yacht Master II (circa 15mila euro ciascuno), un Datajust II e due Oyster Swimpruf (3-4mila euro), un cofanetto Girard Perregaux (orologio, penna d’oro Dior, anello, gemelli, collana), analogo cofanetto Hublot (penna marca Aurora, gemelli, collana). Tutti destinati ai componenti della delegazione al seguito di Renzi, al quale ufficialmente andava solo una scultura, inserita nel registro dei doni e restituita: le carte non menzionano alcun orologio per lui, ma più di un testimone oculare ne ha raccontato la consegna presso il palazzo reale a Ryad. Fonti a lui vicine fanno sapere che Renzi non ha trattenuto alcun Rolex ma che la lite per gli orologi ci fu eccome, tanto che lui stesso pretese la loro riconsegna prima di lasciare Palazzo Chigi. Fece mettere a verbale che tutti, nessuno escluso, avevano riconsegnato i doni. Compreso il suo, mai toccato. Altri lo avevano preso, ma furono costretti a riconsegnarlo.

Il tentativo di raddrizzare le cose, però, passa per la profanazione seriale di varie leggi dello Stato. Intanto i dipendenti pubblici non possono accettare omaggi di valore superiore ai 150 euro (direttive Monti 2012 e legge Patroni Griffi 2013), che diventano 300 per premier, ministri e familiari (decreto Prodi 2007): li devono “mettere immediatamente a disposizione del Dipartimento competente in materia di risorse strumentali a cura del dipendente”. Del capo del Cerimoniale dunque, non di altri. Invece, fa sapere Chigi, la riconsegna dei tesori sauditi “è avvenuta con unico versamento da un funzionario della suddetta delegazione italiana, come risulta dai verbali di consegna in possesso di questa Amministrazione”. Il Fatto li ha potuti visionare e sono effettivamente firmati dal capo scorta di Renzi. Il verbale è datato 23 dicembre 2016, un anno e un mese dopo la “baruffa di Ryad” e dopo svariati articoli del Fatto.

Le cose sono andate così. Il 7 dicembre 2016 Renzi si dimette, cinque giorni dopo il suo capo scorta Serra va al Diprus e avvia le “operazioni di consegna dei doni ricevuti in occasione della visita istituzionale in Arabia Saudita in data 9 novembre 2015”. Le operazioni si concludono due settimane dopo, alla presenza di funzionari “in qualità di testimoni”, circostanza che rende ancora oggi impossibile stabilire se ci fosse “tutto”. Il verbale di consegna certifica le bugie di Palazzo Chigi (quando, all’epoca, sosteneva che quei doni erano nella sua disponibilità, mentre erano stati recuperati alla spicciolata e affidati al capo scorta di Renzi) e allunga altre ombre: l ’elenco dei preziosi controfirmato da Serra e dai presenti precisa che “i suindicati doni erano destinati ai componenti della delegazione al seguito del presidente del Consiglio”. Subito sotto l’inventario riporta una scultura “che viene inserita nel registro dei doni alla Presidenza”, si legge. Neanche qui salta fuori il Rolex per Renzi, verosimilmente il più costoso. Da nessuna parte viene siglato col sangue, come ancora assicurano dalle parti dell’ex premier Renzi, che tutti, nessuno escluso, avevano riconsegnato.

Della restituzione, del resto, non c’è traccia neppure nel registro dei doni della Presidenza del Coniglio, aggiornato a maggio 2018, che il Fatto Quotidiano ha chiesto e ottenuto per vie ufficiali sempre da Chigi. Di sicuro nel Golfo Persico sono più certi di prima che gli italiani vanno letteralmente pazzi per gli orologi di lusso donati dagli sceicchi. A novembre 2017 il premier era Paolo Gentiloni e quando porta una delegazione in Qatar, viene salutata con una pioggia di 47 orologi, in questo caso prontamente riconsegnati e “devoluti a fini istituzionali”. Per pudore o forse per prudenza, la dicitura è però solo “orologi varie marche. Di Rolex, meglio non parlar più.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Una storia esclusiva

Tutti gli articoli dell’inchiesta che rivelò la figuraccia

Le puntate precedenti. La baruffa dei Rolex si consumò tra la notte di domenica 8 e l’alba di lunedì 9 novembre del 2015, nel corso di una visita di Stato in Arabia Saudita, dove la nostra delegazione fu protagonista di un increscioso incidente: durante la visita al re Salman viene omaggiata di orologi di lusso ma si rende protagonista di una zuffa senza precedenti per accaparrarsi i cronografi di maggior valore, nonostante ogni orologio avesse un biglietto che indicava chiaramente chi fosse il destinatario. L’8 gennaio 2016 il Fatto Quotidiano svela in un primo articolo il fattaccio, ma furono necessari poi più articoli per stabilire la dinamica del pasticcio e del tentativo di porvi rimedio, anche per la reticenza di Palazzo Chigi a fare chiarezza. Il 21 gennaio successivo il Fatto pubblica la testimonianza dell’interprete che era al seguito delle delegazione il quale conferma il parapiglia e il fatto che la delegazione partita da Roma non aveva rispettato le regole che impongono ai dipendenti pubblici di rifiutare e, soprattutto, di non trattenere omaggi di un valore oltre 150 euro, limite che aumenta a 300 per i membri di governo. Racconta anche dei tentativi maldestri di recuperare i regali, ma non in maniera formale. Del rifiuto di predisporre documenti che certificassero la restituzione dei cronografi. Del resto, era già partita l’operazione parallela del premier. Matteo Renzi spiegò che lui stesso aveva dato ordine di radunare gli orologi, finiti così nella disponibilità della Presidenza del Consiglio e che sarebbero stati incamerati dallo Stato, come vuole la legge. Poi però i Rolex sono spariti, non figuravano tra i doni restituiti da dipendenti e neppure nel registro di quelli pervenuti a ministri e premier, secondo le leggi in materia. Ancora a febbraio 2017 gli elenchi delle restituzioni non riportavano traccia dei Rolex d’Arabia, tanto che non era possibile neppure diradare dubbi sul fatto che anche Renzi non avesse riconsegnato il proprio. Che persistono anche oggi, per come ha gestito l’intera vicenda, conclusa sono con l’uscita di scena e in violazione di quella legge che per amor di trasparenza e contro il rischio di corruzione e appropriazione indebita ha stabilito tetti molto bassi ai doni (150-300 euro) che si possono ricevere e la riconsegna “immediata” di quelli di valore superiore a quella cifra.

La Cattiveria

La Cattiveria del 05/08/2018

Politica

Air Force, perché può essere danno erariale

Sandro Curzi e noi Quando il Tg3 divenne Telekabul
Politica
Il ricordo

Sandro Curzi e noi Quando il Tg3 divenne Telekabul

di
Da Rixi a Molinari: ecco i leghisti (e non) imputati
Politica
I personaggi

Da Rixi a Molinari: ecco i leghisti (e non) imputati

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×