I diari del Duce: la storia vera delle memorie patacca

Nell’estate del 1957 il giudice di Vercelli Giuseppe Rosco risolve il caso dei presunti libri apocrifi di Mussolini, facendo confessare l’autrice dei testi fasulli
I diari del Duce: la storia vera delle memorie patacca

Era l’estate del 1957. Giuseppe Rosco (1924-2012), lucano, giudice istruttore al tribunale di Vercelli, si stava crogiolando al sole sulla spiaggia di Lerici, come avrebbe raccontato, “quando sentii il mio nome chiamato dall’altoparlante dello stabilimento balneare”. In direzione trovò un maresciallo dei carabinieri, che gli disse che doveva rientrare nella città piemontese “per ragioni di […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.