“Ho visto Giulio all’obitorio. L’ho riconosciuto dal naso”

La madre di Regeni in Senato: “Il suo viso era piccolo piccolo. Dai tempi del nazifascismo un italiano non moriva dopo le torture”

Un “dolore necessario”, quello che il padre e la madre di Giulio Regeni, il giovane ricercatore trovato morto al Cairo, hanno portato ieri davanti a decine di giornalisti riuniti nella sala stampa del Senato dedicata ai morti di Nassirya. Per la prima volta, la famiglia parla in pubblico. Senza versare una lacrima, chiedono solo che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.