Gyam e l’elemosina al semaforo: per lui il “nuovo mondo” è una dose di eroina

Siracusa - I profughi che arrivano dormono nelle “grotte” e di giorno chiedono soldi per la droga
Gyam e l’elemosina al semaforo: per lui il “nuovo mondo” è una dose di eroina

Gyam viene da un tabernacolo dell’accoglienza, crede di avere diciotto anni. Usiamo questo verbo perché Gyam non lo ricorda. È africano, è sbarcato ad Augusta. Chiede soldi agli automobilisti fermi al semaforo, in una via centrale di Siracusa. Certi suoi connazionali fanno lo stesso, si genuflettono fino a sfiorare il ridicolo, l’automobilista non regge la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.