“Grazie Zalone, hai ucciso il noioso monologo satirico”

Gianni Canova - Negli ultimi vent’anni solo cabaret: io parlo e tu ridi: una comicità verticale che ha stufato
“Grazie Zalone, hai ucciso il noioso monologo satirico”

Di cosa parliamo quando parliamo di cinema? Ecco una domanda su cui il critico e lo scrittore tendono a litigare. Gianni Canova – che è entrambe le cose – se l’è chiesto il 2 gennaio di quest’anno, mentre come mezza Italia si trovava in coda in un cinema di montagna per vedere Quo vado? di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.