Giro d’Italia a Gerusalemme. Il più forte rimane Dumoulin

Ciclismo - Il cronoprologo va all’olandese di Maastricht che chiude in poco più di 12 minuti a 48 all’ora e stacca Froome di 37 secondi e Aru di 50, tra stelle di David e palazzi storici
Giro d’Italia a Gerusalemme. Il più forte rimane Dumoulin

“È la vittoria più importante o la più simbolica della tua carriera?”. Tom Dumoulin non ci pensa un istante. Sorride furbo: “Non è la più importante. Ma è molto bella”. Che abbia battuto l’australiano Dennis Rohan di appena 2 secondi, non conta granché, peraltro il belga Victor Campenaerts ha ottenuto lo stesso tempo di Dennis. È […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora


entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora

© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.