Gianni Alemanno, memoria da hobbit

Nostalgia canaglia! Da quando Gianni Alemanno non è più di governo ma solo di lotta, e si affanna tra manifestazioni e aule di tribunale (è a processo per corruzione e finanziamento illecito in Mafia Capitale), l’ex missino è tornato a coltivare senza timidezze l’antica passione nera. Il primo sindaco postfascista di Roma non ha mai […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.