“Genere Verhoeven”, il cinema feroce che sa ancora graffiare

Il disturbante film dell’olandese che nessuno voleva produrre
“Genere Verhoeven”, il cinema feroce che sa ancora graffiare

Il sangue. “Lo voglio denso e tiepido”. È la rossa linfa vitale il vero protagonista di Elle, il provocatorio e folgorante film di Paul Verhoeven che nessuno negli Usa ha voluto produrre nè interpretare. “Troppo eversivo, non sono pronti, poi in questo periodo men che meno…”. Assicura Paul Verhoeven, magnifico 79enne da Amsterdam ma da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.