Fu “la Regina della stampa”. Non chiamatela femminista

La prima reporter, ma il suo nome non è tra quelli che hanno lasciato il segno
Fu “la Regina della stampa”. Non chiamatela femminista

Il nome di Séverine, pseudonimo di Caroline Rémy (1855-1929), ha il triste privilegio di essere fra quelli meno citati quando si parla di grandi donne che hanno lasciato un segno nella storia delle idee. Fu la prima vera “reporter” nella storia del giornalismo; dalle pagine del Cri du peuple del suo maestro Jules Vallès denunciò […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.