Father John Misty: cosa non si fa in un hotel

Chiudersi in una stanza d’hotel e trovare l’ispirazione per scrivere canzoni non è un’idea granché originale. Ma, a quanto pare, di questi tempi, è così che va il mondo della musica: Father John Misty, alter ego di Joshua Tillman, dopo essersi rintanato in un albergo di New York per due mesi, con il conforto di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.