“È in fin di vita”, ma il 118 ignora otto chiamate

Inchiesta aperta - Il 3 agosto Mario D’Aiello si è sentito male in stazione a Napoli. È morto prima che arrivasse l’ambulanza
“È in fin di vita”, ma il 118 ignora otto chiamate

Tempi brevi per chiudere l’indagine disciplinare: i dirigenti dell’Asl Napoli 1 hanno addosso il fiato del Governatore Vincenzo De Luca, è lui personalmente ad averne chiesta l’apertura. Anche quella della Procura di Napoli avanza a passi spediti: gli accertamenti sono in corso e gli esiti presto arriveranno sul tavolo del procuratore aggiunto Giuseppe Lucantonio. C’è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.