Dopo Charlie è stato di emergenza

Dopo Charlie è stato di emergenza

In seguito all’attacco di martedì nella chiesa di Saint-Étienne- de-Rouvray, in Normandia, la destra dei Républicains e il Front National hanno chiesto l’introduzione di misure più dure, “spietate”, secondo i termini di Nicolas Sarkozy, come la detenzione preventiva per gli individui schedati per radicalizzazione e l’espulsione degli stranieri condannati per terrorismo. Ma il presidente Hollande […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.