Dario, l’ultima “fatica” di uno scrittore senza titolo tra Mulino Bianco e potere

“Disadorna” - Racconti osannati dai giornaloni: “Tracce di Fellini, anzi di Roth!”
Dario, l’ultima “fatica” di uno scrittore senza titolo tra Mulino Bianco e potere

Pensavamo di poter rimandare la lettura del nuovo capolavoro letterario di Dario Franceschini, ministro dei Beni e delle attività culturali a insaputa degli stessi, a quella fase della vita in cui si sono già terminati Dostoevskij, Stendhal, Thomas Mann. Ma l’altro giorno il Corriere l’ha recensito tanto entusiasticamente (“tracce felliniane”, “atmosfera alla Olmi”, “echi di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.