Dannati, sangue e gelati: vivere con il terrore alle porte

La passeggiata sul lungomare, i bimbi e i fantasmi
Dannati, sangue e gelati: vivere con il terrore alle porte

L’uomo dei gelati o il marito depresso, il francese violento e spaccone o il musulmano tunisino di recente e indemoniata fanatizzazione, ha maciullato – oltre i corpi – un luogo. Quel lungomare inizia a Genova e finisce a Marsiglia, e Nizza è per un terzo sabauda e ligure, prolungamento estivo di Torino e Cuneo, di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.