“Dalle rovine” allo Strega. Il libro che nessuno voleva

Scritto dall’esordiente – e appena trentenne – Luciano Funetta, era stato rifiutato da 20 case editrici. Poi la pubblicazione con Tunué e la presenza nella dozzina del Premio
“Dalle rovine” allo Strega. Il libro che nessuno voleva

Lui è bravo. Ma è da ricovero”. Prima che Dalle rovine (edito da Tunué) diventasse realtà, entrando anche a far parte della sacra dozzina del Premio Strega, Luciano Funetta – romano, classe ’86 – aveva accumulato ben venti dinieghi dal mondo editoriale. Spaziando dalla cortesia alla cattiveria pura. “I rifiuti letterari mescolano bugie e verità. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.