Confindustria si butta sul Sì. Ma ammette: niente ripresa

Il neo presidente Boccia offre appoggio sulle riforme e in cambio chiede altri sconti sull’Ires e incentivi. E riconosce che l’economia è ferma: “Risalita deludente”

Vincenzo Boccia ha battuto il suo sfidante Alberto Vacchi ed è diventato presidente di Confindustria soprattutto perché era considerato il più abile a trattare con la politica. E ieri, alla rituale assemblea annuale dell’associazione degli industriali, lo ha dimostrato. È riuscito a non schierare la Confindustria sul referendum costituzionale (si decide nel Consiglio generale del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.