“Con le mie imitazioni riuscivo a fare ridere persino Totò”

L’artista salernitano ricorda il Principe De Curtis a 50 anni dalla morte: “Era una persona generosa, ma triste”
“Con le mie imitazioni riuscivo a fare ridere persino Totò”

Con il signor Mario Di Gilio, 89 anni da Salerno, basta socchiudere gli occhi per vivere un’esperienza vicina al misticismo, per trovarsi improvvisamente di fronte a Totò. L’imitazione è perfetta. “Lo sa che mi è capitano di telefonare a sua figlia Liliana (de Curtis), e scherzosamente di rimproverarla con la voce del padre? Ogni volta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.