Come sta? Risponde “bene” e perde i diritti

Malata di sclerosi - Per i medici cammina da sola: niente indennità. E il Comune non ha soldi per lei
Come sta? Risponde “bene” e perde i diritti

Aveva 12 anni Noemi Rinaldo quando avvertì i primi sintomi. Analisi su analisi, accertamenti di ogni tipo e poi la diagnosi terribile: sclerosi multipla in una delle sue manifestazioni più gravi, racchiusa nella fredda formula RR (recidivante remittente). Noemi, che ora ha 21 anni, vive a Scordia (Catania), con la madre Cinzia Cusmano e la […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.