Collezionisti di ossa: dalla testa di Semerari al piede dell’ultrà

Precedenti - Rimane insoluto il caso del 2o11 nella Capitale: i resti di una donna al Divino Amore
Collezionisti di ossa: dalla testa di Semerari al piede dell’ultrà

Il sacchetto di plastica, di quelli comuni per la spesa, era poggiato sul sedile del guidatore di una Fiat 128 di colore rosso. Gocciolava senza sosta e il liquido fuoriusciva ormai dall’auto. Primo aprile del 1982 in viale Elena a Ottaviano, nel Vesuviano. Nella busta c’è una testa tagliata rozzamente con una sega. È quella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.