Classici, quello che gli scrittori (giovani) non leggono

Confessioni - “Dostoevskji? Mai capito”. “Forse un giorno la Bibbia”. “Per Proust non ho tempo”. “La Woolf mi è servita per rimorchiare una donna”
Classici, quello che gli scrittori (giovani) non leggono

Alzi la mano chi non ha mai mentito. Si faccia avanti chi non ha mai millantato di aver letto l’Ulisse di James Joyce, spergiurando di rileggere ogni estate Proust. Bugie bianche o ego ipertrofico, la tendenza a fingere di aver letto i classici ha subìto una netta impennata in epoca social network, inserendo citazioni ad […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.