Alzi la mano chi non ha mai mentito. Si faccia avanti chi non ha mai millantato di aver letto l’Ulisse di James Joyce, spergiurando di rileggere ogni estate Proust. Bugie bianche o ego ipertrofico, la tendenza a fingere di aver letto i classici ha subìto una netta impennata in epoca social network, inserendo citazioni ad […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Morto il walkman restano le cuffiette

prev
Articolo Successivo

Il “Fatto” alla Versiliana: processi, migranti e musica

next