Cella Zero, anche un disabile scaraventato contro il muro

La stanza usata dagli agenti per pestare i detenuti. Era Natale 2013. Rischio prescrizione
Cella Zero, anche un disabile scaraventato contro il muro

“Cella zero”, perché senza numero. Il nome in codice della stanza disadorna al piano terra del carcere di Poggioreale (Napoli) dove 12 agenti di polizia penitenziaria, ora sotto processo, avrebbero organizzato i pestaggi dei detenuti. E a leggere le carte dell’inchiesta, era con l’avvicinarsi del Natale che le guardie diventavano particolarmente nervose. C’è il racconto […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.