Banche, lavoro, crescita: il duro ritorno alla realtà

Archiviata la campagna che ha tenuto impegnato l’esecutivo negli ultimi sei mesi, è il momento di interventi in diversi campi. Ecco tutti i nodi lasciati irrisolti
Banche, lavoro, crescita: il duro ritorno alla realtà

Se c’era un momento sbagliato per legare le sorti del governo e dell’Italia all’esito di un referendum, Matteo Renzi l’ha azzeccato in pieno. Banche vulnerabili agli umori dei mercati; conti pubblici che fanno a pugni coi parametri europei; occupazione ferma malgrado i 20 miliardi stanziati per convincere le aziende ad assumere; diverse crisi industriali aperte. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.