» Politica
domenica 19/03/2017

Riforma penale, il segretario dell’Anm: “Avocazioni, trojan e appelli. Così si fermano i processi”

Francesco Minisci, pm della procura di Roma, smonta la riforma penale che sta per approdare alla Camera dopo l’approvazione da parte del Senato
Riforma penale, il segretario dell’Anm: “Avocazioni, trojan e appelli. Così si fermano i processi”

La riforma penale appena approvata al Senato, dopo ben 2 anni dal testo licenziato dalla Camera, deve tornare in Commissione Giustizia, a Montecitorio per alcune modifiche tra le quali quella sulla prescrizione (blocco dopo il primo grado ma Appello e Cassazione devono celebrarsi entro 18 mesi ciascuno, prima erano 2 anni più uno). L’Associazione nazionale dei magistrati, contraria al testo, il primo aprile si riunirà in vista del ritorno in Commissione. Tra i punti più critici, secondo l’Anm, ce n’è uno sostanzialmente sconosciuto ai non addetti ai lavori ma che può paralizzare i processi ancora di più di quanto lo siano adesso. Si tratta dell’avocazione dei fascicoli da parte del procuratore generale se i pm non chiedono, entro 3 mesi dalla fine dell’indagine, il rinvio a giudizio o l’archiviazione. Francesco Minisci, segretario dell’Anm e pm della procura di Roma, spiega le conseguenze di questa norma: “Migliaia di processi penali passeranno dalle procure alle procure generali. Per capirci, facciamo l’esempio della procura di Roma dove lavoro. Siamo 90 pm, 9 procuratori aggiunti e il procuratore. Con questa nuova norma il lavoro che non riescono a fare 100 magistrati, dovranno farlo 23 magistrati della procura generale. È evidente che si creerà un imbuto presso le procure generali e i processi andranno tutti in prescrizione”.

Qual è, dunque, la logica del legislatore?
Non lo so. Io posso parlare del nostro obiettivo: accelerare i processi. E abbiamo delle proposte che derivano dall’esperienza sul campo: depenalizzazione di reati minori che affollano le scrivanie dei magistrati e sono destinati alla prescrizione. Notifiche elettroniche: nell’era Internet ancora facciamo le notifiche a mano agli imputati e agli indagati, anche per il rinvio di un’udienza. Perché dopo la nomina del difensore non vengono fatte solo all’avvocato, via email? Tutto questo tempo lo regaliamo alla prescrizione. Abbiamo anche una norma che prevede un nuovo inizio del processo in caso di pensionamento o trasferimento di un magistrato, eccetto per i processi di mafia o di pedopornografia. Ma perché non ampliamo la rosa dei reati, come per esempio la corruzione, per i quali il processo non deve ripartire da zero? Sono modifiche che non costerebbero un euro allo Stato e snellirebbero i tempi processuali. C’è anche un altro tema su cui dovremmo confrontarci senza tabù: il divieto di reformatio in peius, cioè di aumentare la pena in appello, che fa sì che tutti i condannati di primo grado presentino impugnazione. A Roma pendono in appello 50mila processi e sono destinati alla prescrizione. Una sconfitta per la Giustizia.

È stato modificato anche il tetto delle spese per le intercettazioni. Cosa ne pensa?
Ben vengano le iniziative sul risparmio, purché non incidano sull’efficacia dello strumento per condurre al meglio un’indagine.

Lei vede questo rischio?
Quando ci saranno i decreti attuativi lo verificheremo.

Si mettono anche dei paletti sull’uso del trojan, cioè gli intrusori informatici…
La Cassazione ne ha già limitato l’uso ai reati di mafia e terrorismo e il governo, con la delega, prevede anche che se mentre indago per mafia, ad esempio, mi imbatto in una violenza sessuale o in una corruzione, quel tipo di intercettazione non vale come prova, ma se è telefonica o ambientale può essere utilizzata

Scusi la franchezza, ma le sue proposte sembrano scontate (ride, ndr)
Se un marziano scendesse sulla terra penserebbe la stessa cosa. Però, dovremmo spiegargli che noi, per rendere un effettivo servizio al cittadino, vogliamo velocizzare i processi, ridurre il numero dei procedimenti e aumentare gli organici (mancano 1200 magistrati e 9 mila amministrativi). Il problema è che abbiamo la sensazione che a volere questo siamo solo noi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Cda di Lampedusa

“Era uno scafista aguzzino, per questo lo abbiamo picchiato”

“Due volte a settimana mi facevano mettere i piedi per terra dove avevano versato acqua, poi azionavano la corrente elettrica. Subivo delle scariche elettriche violentissime. Altre volte mi picchiavano con dei tubi in varie parti del corpo e altre volte ancora mi legavano le braccia e poi mi appendevano in aria, per bastonarmi. Una volta, con il calcio del fucile, mi hanno fracassato la testa. Nessuno osava reagire, c’era un clima di totale terrore”. L’ennesimo racconto dell’orrore emerge dalle testimonianze dei migranti che alcuni giorni fa hanno tentato di linciare un giovane ghanese nel centro di assistenza di Lampedusa. Un ventenne arrivato su uno dei tanti gommoni soccorsi al largo della Libia. Perché quel ventenne, conosciuto da tutti col nome di “Fanti” ma che in realtà si chiama Eric Ackom Sam, non era un disperato come loro, ma un aguzzino. Uno dei tanti uomini senza scrupoli che gestiscono il traffico di esseri umani nel nord Africa. E sono state proprio le testimonianze messe a verbale da cinque migranti a consentire al Gip del tribunale di Agrigento di convalidare il fermo del giovane.

Politica

Il miracolo di Matteo: tornano i “piglioristi”

Politica

Il daspo ai poveri è diventato di sinistra

Voti B. o Di Maio? Il gioco della torre nell’Italia al bivio
Politica
Elezioni

Voti B. o Di Maio? Il gioco della torre nell’Italia al bivio

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×