Ambasciatore non porta pena, ma pacchi di soldi

Stile Trump - Nomine prestigiose a chi contribuì alla campagna elettorale del tycoon: Duke Buchan, spedito a Madrid, ha versato 898 mila dollari
Ambasciatore non porta pena, ma pacchi di soldi

Cambiano i presidenti, e cambiano gli ambasciatori. Ma la tipologia resta la stessa: a rappresentare gli Stati Uniti nei ‘Paesi Disneyland’, quelli dove si vive bene, che sono alleati e non creano problemi, ci vanno milionari senza esperienza diplomatica – e spesso neppure politica -, che in campagna elettorale hanno dato un robusto sostegno economico […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.