Amatrice, quelli che restano. “Dateci container e stalle”

Dopo il sisma Nella frazione Bagnolo né tende né aiuti
Amatrice, quelli che restano. “Dateci container e stalle”

Io non mollo. Non me ne vado. Avevo la possibilità di un buon lavoro a Roma, ma questa è la mia terra e non l’abbandono. Chiaro?”. Venticinque anni, il volto da ragazzina e un paio di stivali ai piedi per difendersi dal fango misto al letame. Amatrice, frazione Bagnolo, abitanti 44. Qui il terremoto del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.