Amatrice, i terremotati finiscono anche nelle new town de L’Aquila

Scelte 21 aree per le abitazioni provvisorie. Ricostruzione: non ci sono tempi certi. Protezione civile e Comune: “Forse non bastano 7 mesi”

Amatrice, cratere del terremoto. Dopo la paura, il dolore e le lacrime, è il tempo dell’incertezza. Dove andremo, come passeremo l’inverno, le casette (o map, e tutti i nomi che la burocrazia della catastrofe assegna alla provvisorietà) saranno pronte entro i sette mesi promessi? Sono le domande che assillano gli abitanti della tendopoli. “Ci sarà […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.