Alla ricerca dei Capricci di gola

Alla ricerca dei Capricci di gola

Quando Francisco Goya, in piena Inquisizione spagnola, decise di realizzare i suoi ottanta Capricci – Caprichos – lo fece per denunciare la superstizione e l’ignoranza della classe dominante nel suo tempo. E le denunciò disegnando figure grottesche, come uomini con la testa d’asino, oratori con fattezze di scimmia fino al suo più celebre “il sonno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.