» Commenti
sabato 12/05/2018

M5s-Lega, al terzo uomo del Salvimaio io dico: ‘Ti vedo e ti piango’

M5s-Lega, al terzo uomo del Salvimaio io dico: ‘Ti vedo e ti piango’

Già a tempo debito questo diario si era occupato del cosiddetto premier Terzo Uomo, immaginandone sembianze e caratteristiche. Mai osando sperare, tuttavia, che un simile prodigio potesse avverarsi. Da quando però ha appreso che il governo Salvini-Di Maio (d’ora in poi Salvimaio) sta per estrarre dal cilindro un premier “né Lega né Cinquestelle” (Bonafede), né di qua né di là, né sopra né sotto, insomma né carne né pesce, l’estensore di queste righe non sta più nella pelle.

In preda alla stessa eccitazione di un cercatore di diamanti del Transvaal che, stremato, disilluso e sul punto di arrendersi s’imbatta in un abbagliante giacimento. Felicemente sbalordito come deve essersi sentito Allegri davanti alla prima e poi alla seconda papera del portiere del Milan (“Donnarumma uno di noi”). Poiché, come c’insegna il film di Sorrentino, Loro, la finzione può anche tradursi in un capolavoro, che difficilmente però raggiungerà la realtà sovrastante.

Per acconciarsi degnamente a codesta chimerica figura governativa il diario si è dunque messo a scartabellare tra le antiche reminiscenze affastellando riferimenti banalmente scolastici. Mitologici (l’ircocervo, metà capro metà cervo). Beffardi (“Al re Travicello piovuto ai ranocchi mi levo il cappello e piego i ginocchi”). Goldoniani (Arlecchino servo di due padroni). Commedia leggera (Georges Feydau, e la batteria di mariti adulteri, mogli cornute, amanti negli armadi). Citazioni insoddisfacenti che hanno convinto chi scrive a fare da sé, a misurarsi direttamente con l’imprevedibile natura umana. Poiché solo un sadismo compulsivo potrebbe affidare la guida del Paese a un qualunque galantuomo imponendogli il tormento di un Giano bifronte (ecco il rimando che mancava) costretto non a guardare il passato e il futuro, ma Luigi Di Maio e Matteo Salvini, contemporaneamente.

Pensate all’inferno del pover’uomo in quel di Palazzo Chigi, vessato dai due spocchiosi leader che gli entrano e gli escono dalla stanza e non fanno altro che strillare ordini contraddittori. Subito la flat tax. No, prima il reddito di cittadinanza. Cosa si aspetta a imbarcare i 600mila irregolari che abbiamo promesso agli elettori di rispedire al paesello? Lo ha promesso lui non certo noi, il conflitto d’interessi del Delinquente ha la precedenza. Qui comando io. Figurarsi, senza i nostri voti quello torna a fare lo steward allo stadio. E così via senza tregua. Nella tragedia che declina in farsa e in opera buffa, il nostro non potrà cantare “questa e quella per me pari sono” perché nel Rigoletto il duca di Mantova è un libertino padrone delle sue dissolutezze. Mentre nel Salvimaio (orchestrato su libretto di Sergio Mattarella) è il Terzo Uomo che soggiace alle altrui voglie. Fuor di metafora e provando a tornare seri, pur non tifando per la bizzarra coalizione giallo-verde, questo diario si permette un consiglio.

Si abbia il coraggio di scegliere una figura politica perché il governo del Paese non è l’Isola dei Famosi da cui estrarre, con tutto il rispetto, il diplomatico navigato, la giurista sui codici assisa o il manager per tutte le stagioni. La politica non s’improvvisa perché è la geometria che trasforma il quadrato in un cerchio. Esperta in lingue (biforcute) e l’arte di tradurre le parole in cose da fare. La politica è fatica, pazienza, il pugno nel guanto di velluto e la carezza capace di graffiare. L’arte della sintesi non s’improvvisa e se diventa talent chissà poi come finisce. Infatti al primo destinato a essere il Terzo rivolgeremo riverenti ma rassegnati lo stesso augurio (questo è l’ultimo sfoggio, giuro) di Teofilatto dei Leonzi quando sfida Brancaleone da Norcia: “Ti vedo e ti piango”.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Scomparso nel 2016

Davide Casaleggio eredita dal padre solo 73 mila euro

L’eredità di Gianroberto Casaleggio al figlio Davide? Non è miliardaria, ammonta solo a 73.283 euro. Non c’è nessun immobile, 3.283 euro sono di “azioni, obbligazioni e quote societarie”, mentre 70 mila euro derivano da “altri cespiti”. È quanto ha scoperto il Corriere dell’Umbria, che ha consultato un documento della Agenzia delle Entrate, depositato alla Camera di commercio di Milano. Il documento – datato 9 settembre 2016 – è la “dichiarazione di successione” di Casaleggio, morto qualche mese prima, il 12 aprile. I coeredi sono tre: Davide, nato dal matrimonio con Elisabeth Birks da cui Gianroberto divorziò, la nuova moglie Elena Sabina del Monego e il figlio Francesco, nato nel 2006.

Le azioni rappresentano il valore nominale del 30% della Casaleggio associati e il loro valore può naturalmente variare sulla base dell’andamento della società, che in realtà è in perdita da anni e nel 2016 ha chiuso con un fatturato inferiore al milione di euro. I 70 mila euro sono crediti vantati da Casaleggio padre nei confronti della società.

Politica

La Cei come il Colle: su migranti e Ue “basta coi proclami”

Vignette

Fatto a mano di Natangelo del 12/05/2018

Commenti
Sabato del villaggio

Libertà di stampa

di
Commenti

Il Tav nel tunnel delle fake news

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×