Agenzie di rating. Perché dobbiamo essere ostaggi di questi valutatori?

  Ma queste agenzie di rating sono idonee a emettere giudizi che i politici usano per i loro scopi? Sono adatte a valutare l’attendibilità di un intero Stato? E in che misura? Non occorre che vi sia una scala di valori secondo i quali rilevare la loro attendibilità? Per esempio, chi le domina e le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.