Acido nell’acqua del collega, arrestata

A Milano - Una dipendente Eni voleva avvelenare l’uomo, salvo per miracolo
Acido nell’acqua del collega, arrestata

Aver lasciato la bottiglietta d’acqua sulla scrivania per pochi minuti poteva essergli fatale. Quando è tornato davanti al pc dopo una pausa caffè, l’ha afferrata. L’ha portata alle labbra, ma al primo sorso ha sentito un fortissimo bruciore in bocca. Così ha sputato tutto, senza mandarne giù nemmeno un goccio. E se l’è cavata con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.