Abuso d’ufficio o no: la sottile linea rossa

Giurisprudenza - Non basta “segnalare” qualcuno. Ci vuole altro per configurare un reato
Abuso d’ufficio o no: la sottile linea rossa

Si fa presto a dire “raccomandazione”. Almeno nel sentimento comune, ma in un’aula di giustizia – si sa – valgono regole molto meno duttili. Bisogna essere ragionevolmente certi che un’accusa regga tre gradi di giudizio. Ed è quello che deve aver pensato il procuratore capo di Matera Pietro Argentino quando, rispondendo alle domande dei giornalisti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.